Top11

TOP11 – 1° Giornata Serie A TIM 2017/18

top11 serieatim 1agiornata icardi cutrone suso kolarov perisic

Riparte la Serie A, ripartono le belle giocate. Ecco qui i Top11 della 1° giornata:


G. Buffon, 10,5: la solita leggenda, para il primo rigore della storia assegnato dal VAR in un momento della partita dove il Cagliari avrebbe reso la vita più difficile alla Juventus, per il resto amministra la partita senza subire nulla, fenomeno.

A. Kolarov, 10: si presenta col suo marchio di fabbrica, mancino su punizione ma stavolta d’astuzia e non di potenza com’è solito fare; è sempre nel vivo della manovra della Roma e quando c’è da difendere dimostra intelligenza, impeccabile.

F.  Ghoulam, 10: sfrutta un’indecisione della difesa del Verona e di Nicolas per segnare il suo primo gol in campionato con la maglia del Napoli, solita tecnica e fisicità sulla fascia sinistra, sempre più importante nei meccanismi di Sarri.

S. Lichsteiner, 7,5: ancora lui, per la settima stagione consecutiva si presenta titolare sulla fascia destra juventina, l’età avanza ma le prestazioni restano, condite spesso da assist come quello di sabato.

F. Di Francesco, 10,5 : figlio d’arte, giocatore fenomenale. Ormai il Bologna è suo e ogni partita fa vedere sempre nuove perle, come la botta di sinistro che si insacca all’incrocio dei pali dietro un incolpevole Sirigu; predestinato.

Suso, 11,5: il Milan cambia, ma Suso resta. Arrivato nel deserto di Malpensa appena due anni fa si è preso tutta Milano sponda rossonera con giocate significative per una Top11, ripetute in ogni partita. Inarrestabile.

V.Birsa, 10,5: nel super Chievo di Maran ormai è una certezza, al Fantacalcio pure; Valter Birsa incanta col suo mancino la Dacia Arena di Udine, e condisce la sua prestazione con un assist al bacio per Inglese e un gol da cineteca meraviglioso.

I. Perisic, 11: sembrava che l’Inter dovesse iniziare il suo campionato senza il suo numero 44, invece Ivan il terribile è rimasto e alla prima stagionale davanti il suo pubblico ha giocato una partita tra alti (altissimi) e bassi, con giocate da Top alternate a errori banali. Gol e assist.

P. Cutrone, 11,5: “a new star is born” direbbero gli inglesi, il baby Cutrone classe ’98 regala gioie ai cuori rossoneri in attesa di Nikola Kalinic, atteso a Milano in queste ore; l’attaccante di Como segna un gol, fornisce un assist e guadagna il rigore che spiana la partita al Milan, prestazione perfetta.

M. Icardi, 14: nuova stagione, vecchio Icardi. Il capitano nerazzurro “vince” la partita dopo 15 minuti segnando un rigore guadagnatosi per un fallo di Astori e spiccando il volo nel gol del 2-0, una vera perla. La nuova Inter di Spalletti riparte da lui, punteggio più alto in questa Top11, ben 14.

F. Quagliarella, 13: cuore campano, affonda il Benevento alla sua prima partita in A con una doppietta da attaccante vero, non a caso è il bomber attivo più prolifico della Serie A, con ben 110 gol.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *