Top11

TOP11 – 25a Giornata Serie A TIM



 E. VIVIANO 9: È il terzo rigore parato in questo campionato. Lo specialista Rodriguez neutralizzato. Quanto basta per affibbiargli il titolo di migliore in campo della Samp.

D. Calabria 8: quel “mani” al 38′ avrebbe potuto cambiare volto (in negativo) al suo match ma, sulla destra, questa sera, comanda il numero 2 rossonero: suo l’assist da cui nasce il calcio di rigore parato da Viviano, così come l’assist per Bonaventura. Nella ripresa, sfiora l’acuto ben imbeccato da André Sila e scorazza a perdifiato lungo tutta la corsia di competenza. Rigenerato, così come il suo Milan.

D. Astori 7: In area domina e comanda. Sempre più autoritario, la fisicità di Petagna non è un problema, né dalla puntualità di inserimento di Cristante. Tra una chiusura e l’altra trova anche il lusso di uscire palla al piede con tanto di tunnel e tocchi sopraffini: clamoroso.

A. Sandro 10: La rete da tre punti nasce e finisce con lui. In sovrapposizione è perfetto, da attaccante aggiunto sfiora un altro gol. È il terzo per lui in questo campionato, il secondo nel derby. La rinascita continua. Un uomo sotto la Mole.

C. Under 10: Il Turco fatato colpisce ancora. Un altro gol da antologia, il quarto consecutivo in tre partite. Botta terra aria e tanti saluti a Bizzarri. Le tre che la Roma è tornata a fare sue. Piatto forte di una prestazione che lo ha visto protagonista fin dai primi minuti. Mentre la squadra è ancora in soggezione, lui, il più giovane di tutti, prende in mano le redini e traina il resto del gruppo. «Ci penso io»

Allan 10: Conferma di vivere una stagione strepitosa, inserendosi come un attaccante e firmando l’1-0. Apre e chiude un triangolo volante da playstation e in uscita piazza facile. In mezzo al campo ci mette piedi buoni e grinta, apparendo nel momento del bisogno e servendo ad Hamsik la palla del raddoppio, poi annullato. Todocampista.

N. Viola 11: È vittoria vitale, aumentano le speranze di una salvezza comunque difficilissima. Resta la gioia per la prima rete in serie A.

A. Poli 10:  È suo l’inserimento che stappa il match con una rete da rapace d’area, poi fa diga a centrocampo. 

G. Pandev 10,5: È passato speciale che si incrocia a presente normale. Goran però si traveste da mattatore ed è assoluto protagonista di un match ben giocato su tutti i fronti: sia come uomo assist, sia come finalizzatore. Raccoglie al limite dell’area avversaria e sentenzia Handa, lucchetto al match.

R. Inglese 10: Ci prova e ci riprova, creandosi quasi dal nulla le migliori occasioni del match. E alla fine lascia il segno. Gol bello e meritatissimo.

C. Immobile 13,5: Ha il grande merito di non mollare mai, di non perdersi d’animo: è così che si riscatta in pieno nella ripresa, cancellando con la doppietta decisiva un primo tempo pieno di errori sotto porta. Fondamentale.

 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *