Fuori Cutrone e A. Silva, dentro Leao e (forse) Correa. Come cambia l’attacco del Diavolo

236
Angel Correa, 24 anni , primo nome sulla lista della dirigenza rossonera


È tempo di rivoluzione in attacco. Le porte girevoli cambiano look alla linea offensiva del Diavolo. Patrick Cutrone – dopo dieci anni di carriera, 90 presenze e 27 gol – è il nuovo attaccante del Wolverhampton; 25 milioni entrati nelle casse rossonere, ossigeno puro per l’acquisto del gioiellino Rafael Leao, seconda punta del Lille. Aria fresca e piedi buoni, questa la ricetta per la nuova linea offensiva di Mister Giampaolo. Un altro cartello vendesi è appeso alla maglia di Andrè Silva, eterno predestinato che non rientra più nei piani di Maldini e Boban. L’altro nome in grassetto è Angel Correa, ma servono 55 mln per strapparlo a Simeone.


Il reparto avanzato del Milan potrebbe subire un restiling quasi totale. Piatek, Leao, Correa sarebbe un tridente importante per provare nuovamente l’assalto alla porta principale dell’Europa. In ottica fanta, il pistolero polacco è prima scelta assoluta. Confermatissimo. È ormai un top della categoria, e dopo i 22 proiettili dello scorso anno è pronto a sparare ancora. Gli altri due hanno talento, hanno colpi, però incognite nel nostro campionato. Il consiglio sarebbe di prenderne uno dei due, qual’ora dovessero arrivare entrambi, (più Correa di Leao) in coppia con Piatek, e non a cifre folli. Anche perchè nel 4-3-1-2 di Giampaolo ci sarà posto solo per due. È la rivoluzione d’agosto.


Kit completo per l’asta:
attaccanti;
centrocampisti;
difensori;
portieri;
rigoristi;
formazioni tipo;
indisponibili;
griglia portieri;
cambi ruolo.