Ormai ci siamo manca sempre meno al via della Serie A 2019/2020, abbiamo provato ad ipotizzare le 20 formazioni tipo delle squadre che comporranno il campionato, moduli e ballottaggi per prepararti al meglio all’asta del fantacalcio.


ATALANTA (3-4-1-2) – Gollini; Toloi, Palomino/Skrtel, Masiello; Hateboer, Freuler, de Roon, Castagne/Gosens; Gomez; Ilicic, Zapata.

Pochi dubbi, l’11 titolare dell’Atalanta è chiaro. Con la Champions però ci sarà molto turnover, quindi occhio a Muriel e Malinovskyi che possono giocare tanto e portare non pochi bonus.

BOLOGNA (4-2-3-1) – Skorupski; Tomiyasu/Mbaye, Danilo, Denswil, Dijks; Poli, Dzemaili/Kingsley; Orsolini, Soriano, Sansone; Palacio.

Partito Pulgar serve un sostituto in quel ruolo, che arriverà. Tomiyasu parte in sordina ma può prendersi il posto da titolare, con Denswil rinnova totalmente la linea difensiva centrale rossoblu.

BRESCIA (4-3-1-2) – Joronen; Sabelli, Cistana/Chancellor, Magnani, Martella; Bisoli, Tonali, Zmrhal; Spalek; Donnarumma, Balotelli.

Joronen sarà il portiere titolare, Magnani e Zmrhal sono buoni rinforzi ma che all’asta non vanno presi a più di 1-2 crediti. Tonali insieme a Donnarumma sono le certezze ottenute dalla B, adesso la stella diventa SuperMario.

CAGLIARI (4-3-1-2) – Cragno/Rafael; Cacciatore, Pisacane, Ceppitelli, Pellegrini; Rog, Nandez/Birsa, Ionita/Castro; Nainggolan; Joao Pedro, Pavoletti.

Il Cagliari si è rinforzato tanto: Nainggolan è il fiore all’occhiello e costerà tanto, intorno agli 80 crediti. Rog e Nandez sono due centrocampisti di quantità, quindi occhio a non spendere troppo; davanti si aspetta una punta (Defrel?) che possa far coppia con Pavoloso.


FIORENTINA (4-3-3) – Dragowski; Lirola, Pezzella, Milenkovic, Biraghi; Benassi, Badelj, Pulgar; Chiesa, Boateng, Vlahovic/Sottil.

Tanti acquisti per la nuova proprietà, cambia il modulo e cambiano gli interpreti, Lirola farà il titolare a destra, Milenkovic torna centrale. A centrocampo Pulgar va a sostituire Veretout. La prima punta sarà Boateng.

GENOA (3-5-2) – Radu; Zapata, Romero, Criscito; Romulo, Saponara, Schone, Lerager, Barreca/Pajac; Pinamonti, Kouamé.

Volti nuovi a centrocampo, arriva la qualità di Schone e Saponara che saranno sicuramente titolari. In attacco Pinamonti affiancherà Kouamé.

INTER (3-5-2) – Handanovic; Godin, de Vrij, Skriniar; Lazaro/Candreva, Barella, Brozovic, Sensi, Asamoah; Lautaro, Lukaku.

Ai top già presenti si aggiungono Godin e Lukaku, col secondo che probabilmente sarà il secondo più pagato alle spalle di CR7 in molte aste, quindi preparate una buona strategia per prenderlo. Barella potrà fare un ulteriore salto di qualità rispetto a Cagliari, mentre Sensi e Lazaro si alterneranno spesso coi rispettivi compagni di ruolo, quindi occhio.

JUVENTUS (4-3-3) – Szczesny; De Sciglio/Danilo, De Ligt, Chiellini/Bonucci, Alex Sandro; Ramsey/Rabiot, Pjanic, Emre Can; Bernardeschi/Douglas Costa, Higuain/Mandzukic, Cristiano Ronaldo.

I campioni d’Italia rimangono i favoriti ma cambiano tanto, De Ligt sarà titolare, ballottaggio tra i neo acquisti Ramsey e Rabiot. Davanti Douglas Costa insidia Bernardeschi. Se non arriva Icardi la prima punta resta Higuain.


LAZIO (3-5-1-1) – Strakosha; Vavro, Acerbi, Radu/Luiz Felipe; Lazzari, Milinkovic-Savic, Lucas Leiva, Luis Alberto, Lulic; Correa; Immobile.

La Lazio rimane con la formazione titolare dello scorso anno, l’unico acquisto è Vavro che giocherà al posto di Bastos. Rimane l’incognita Milinkovic-Savic ma è pronto Parolo.

LECCE (4-3-1-2) – Gabriel/Vigorito; Rispoli, Lucioni, Rossettini/Meccariello, Vera; Petriccione, Tachtsidis, Shakhov/Majer; Mancosu; La Mantia/Farias, Lapadula.

Dubbio in porta tra Gabriel e Vigorito, a centrocampo si punta su Mancosu. Per ora la coppia d’attacco è La Mantia-Lapadula ma Farias scalpita.

MILAN (4-3-1-2) – G. Donnarumma; Calabria, Musacchio/Duarte, Romagnoli, Theo Hernandez; Kessié/Calhanoglu, Bennacer, Paquetá/Bonaventura; Suso; Piatek, Leao.

Abbondanza a centrocampo dove Krunic scalpita, in attacco invece con Andrè Silva sul piede di partenza la coppia Piatek-Leao sembra confermata. Dietro ballottaggio tra Musacchio e Duarte, ma Giampaolo conta su Caldara.

NAPOLI (4-2-3-1) – Meret; Di Lorenzo/Malcuit, Manolas, Koulibaly, Ghoulam; Allan, Zielinski/Elmas; Callejon, Fabian Ruiz, Insigne; Mertens/Milik.

4-2-3-1 per Ancelotti con tutti gli attaccanti in campo, ma servono rinforzi per il reparto avanzato. Manolas-Koulibaly non si toccano, occhio a Di Lorenzo che parte favorito su Hysaj.


PARMA (4-3-3) – Sepe; Laurini, Iacoponi/Dermaku, Bruno Alves, Gagliolo; Kucka, Brugman/Kulusevski, Hernani; Gervinho, Inglese, Karamoh.

Innesto nel tridente, Karamoh parte titolare con Gervinho e Inglese. A centrocampo Kucka inamovibile, Barillà resta l’alternativa per il centrocampo.

ROMA (4-2-3-1) – Pau Lopez; Florenzi, Fazio, Mancini, Kolarov/Spinazzola; Cristante, Pellegrini/Veretout ; Under, Zaniolo, Perotti/Kluivert; Dzeko.

Manca un centrale difensivo, sulla corsia di sinistra ballottaggio serrato tra Kolarov e Spinazzola, avanti il serbo. A centrocampo c’è l’imbarazzo della scelta, mentre Dzeko dopo il rinnovo sarà sicuramente titolare.

SAMPDORIA (4-3-3) – Audero; Bereszynski, Murillo, Colley, Murru; Barreto, Ekdal/Vieira, Linetty; Gabbiadini/Ramirez, Quagliarella, Caprari.

Nuovo mister e nuovo modulo, pochissimi acquisti per Di Francesco, sugli esterni dovrebbero partire titolari Caprari e Gabbiadini, di conseguenza si attendono rinforzi. Murillo prende il posto di Andersen.

SASSUOLO (4-3-3) – Consigli; Toljan, Marlon, Ferrari, Rogerio; Duncan, Obiang/Magnanelli, Locatelli/Traoré; Berardi, Caputo, Boga.

Tre novità rispetto alla passata stagione, la corsia di destra orfana di Lirola verrà occupata da Toljan, mentre a centrocampo arriva Obiang, davanti la rivelazione del campionato Caputo proverà a ripetere la stagione ad Empoli.


SPAL (3-5-2) – Berisha; Cionek, Vicari, Felipe/Igor; D’Alessandro, Murgia/Valoti, Missiroli, Kurtic, Di Francesco; Moncini/Floccari, Petagna.

Nuovi acquisti di qualità, Di Francesco può fare la seconda punta dietro Petagna, ma dopo l’infortunio di Fares che lo terrà fuori per più di metà stagione, prevalentemente farà l’esterno a tutta fascia.

TORINO (3-4-3) – Sirigu; Izzo, Nkoulou, Djidji/Lyanco; De Silvestri, Baselli/Meité, Rincon, Ansaldi; Iago, Belotti, Berenguer/Zaza.

Dallo scorso anno non cambia nulla, la fiducia di Mazzarri cade sempre sugli stessi elementi. Possibile vedere anche un 3-5-2 con Iago Falque fermo ai box per un infortunio alla caviglia e Zaza titolare.

UDINESE (3-5-2) – Musso; Becao, Ekong, Samir; Larsen, Fofana, Mandragora, Jajalo, Pussetto; De Paul, Lasagna/Nestorovski.

Tudor potrebbe provare anche il modulo con due punte per dare spazio alla coppia Lasagna-Nestorovski e lasciare fuori Pussetto in caso di permanenza di De Paul.

VERONA (3-4-1-2) – Silvestri; Dawidowicz/Gunter, Rrahmani, Bocchetti; Lazovic, Bessa/Henderson, Veloso, Vitale; Verre/Zaccagni; Tupta/Pazzini, Di Carmine.

Ancora manca qualcosa, soprattutto in avanti dove Juric si aspetta dei rinforzi importanti, la difesa invece con in nuovi innesti sembra completa. A centrocampo Veloso sarà titolare in cabina di regia, davanti occhio a Di Carmine che è infortunato.


Kit completo per l’asta:
Attaccanti;
Centrocampisti;
Difensori;
Portieri;
Rigoristi;
Formazioni tipo;
Indisponibili;
Griglia portieri;
Cambi ruolo.