Lautaro, Cristiano e Fabian; ecco le stelle delle prime 3

Ci siamo ormai. 14 giorni e si ricomincia. Ripartono duelli, scontri e schermaglie e noi non vediamo l’ora. La voce grossa spetterà sempre a loro, le prime tre della classe, che a meno di clamorose sorprese faranno corsa a parte per il bersaglio grosso.

Partiamo dai pluricampioni. La Signora sta vivendo una svolta, la rivoluzione Sarriana, un vero e proprio cambio filosofico. Vincere non basta più. Adesso anche la ricerca della vittoria deve essere punto fermo nelle idee dei calciatori. Ci vorrà tempo, e anche l’estate bianconera ne è testimonianza. I bianconeri ancora non convincono, soprattutto dietro, il reparto apparso più annebbiato. Niente di cui preoccuparsi, ma l’inizio stagione della Juventus potrebbe non essere così scontato come sembra. I segnali chiari però arrivano dalla mediana in sù. In attesa di Ramsey in via di guarigione post infortunio, si intravedono sprazi del vero Pjanic, centralissimo nella nuova Juve. “deve toccare 150 palloni a partita” ha detto Sarri durante la presentazione. Investitura importante, starà al bosniaco prendere per mano la squadra. Douglas Costa c’è! E si vede. Vuole tornare protagonista assoluto con i suoi strappi, occhio perchè potrebbe diventare lui l’acquisto migliore dela Juventus.

L’azzurro Napoli invece vuole brillare più che mai. C’è voglia di tornare a lottare colpo su colpo contro i rivali di sempre. Lo scorso anno il sogno è stato abbandonato troppo presto, e adesso il gruppo storico, forse al suo ultimo tentativo vuole riprovarci. Delle prime tre la banda azzurra è l’unica a non aver cambiato guida tecnica, e questo ovviamente può essere un valore aggiunto. La squadra ha ormai un impianto consolidato, e un sistema di gioco chiaro. Manolas poi è partner d’oro per Koulibaly, sono loro le fondamenta galattiche per Ancelotti. Da prendere. Fabian ormai è pronto per prendersi il Napoli sulle spalle, giocatore totale, europeo di categoria dominato e si prepara a vivere una stagione da fenomeno. Il solito Zielinski è garanzia. Avanti il solito ballo dei nove; anzi il vero Milik con il falso nove Mertens. Sono da prendere in coppia, questo è il nostro consiglio.

Chiude il podio (rimanendo in tema con lo scorso anno, non facciamo pronostici) il Biscione. Forse delle tre, la squadra che ha ribaltato il suo mondo. Via gli “indesiderati storici” Icardi, Nainggolan e Perisic (vicinissimo al Bayern) e alla guida il sergente Antonio. La nuova Inter di Conte sembra quella più avanti sul piano della condizione e brillantezza. La mano e le idee del nuovo mister si fanno sentire. Sensi in assoluto il migliore dell’estate neroazzurra, tanti inserimenti letali che ne fanno un centrocampista alla Conte. Anche Lautaro è pronto a una stagione da protagonista. Un pò indietro Barella ancora, ma non spaventa, è stato fortemente cercato e dimostrerà di essere da Inter. Dietro le solite garanzie, alle quali si aggiunge la personalità straripante dell’ex Gran Capitàn Diego Godin.

Mancano solo 14 giorni e poi si riparte. Tutto d’un fiato, e noi non vediamo l’ora.

Kit completo per l’asta:
attaccanti;
centrocampisti;
difensori;
portieri;
rigoristi;
indisponibili;
griglia portieri;
cambi ruolo.