fantaconsigli consigliati consigli fantacalcio fanta tuttofanta

Passano gli anni, le stagioni ma noi di TuttoFanta manteniamo la tradizione di consigliarvi i nostri TOP 11 da schierare nella prima giornata di Serie A Tim 2019/2020:

P. Lopez (Roma): Per il nuovo proprietario della porta giallorossa, quello contro il Genoa potrebbe essere un esordio da poter impreziosire con una porta inviolata.

H. Hateboer (Atalanta): Il difensore bergamasco può essere importante nella trasferta ferrarese.

L. Bonucci (Juventus): Contro il Parma, può ritrovare conferme e rimanere in alto nelle gerarchie difensive della squadra di Sarri.

L. Pellegrini (Cagliari): Tornato nella sua “isola felice”, vuole dimostrare sin da subito che è pronto per essere titolare, in qualsiasi squadra.

M. Lazzari (Lazio): L’ex SPAL potrebbe recuperare in extremis per la sfida contro la Sampdoria; le sue galoppate sulla fascia potrebbero essere fondamentali per servire i compagni.

D. Perotti (Roma): L’argentino è rientrato nelle gerarchie dei titolari con l’arrivo di Fonseca; contro il Genoa potrebbe arrivare un rigore, e lui sembrerebbe il tiratore principale, scavalcando persino Kolarov.
Vale la pena schierarlo.

S. Khedira (Juventus): Da possibile partente a titolare, il tedesco è pronto a giostrare la mediana bianconera contro il Parma. Riuscirà a trovare il terzo gol alla prima di Serie A?

A. Gomez (Atalanta): Il Papu non ha perso la voglia di continua a stupire, con la Dea vuole far innamorare l’Europa e per farlo deve trovare la forma ottima come a Ferrara in quella che può essere l’occasione giusta.

J. Correa (Lazio): Il Tucumano è pronto per la sua consacrazione definitiva, questo può e deve essere il suo anno, e la Sampdoria può essere la sua prima vittima…

L. Martinez (Inter): Il Toro è pronto ad iniziare la sua prima stagione da titolare assoluto con l’argentino già galvanizzato, la difesa leccese potrebbe trovarsi in difficoltà.

K. Lasagna (Udinese): Contro un Milan ancora in costruzione e definizione, i suoi guizzi potrebbero essere letali per Donnarumma e soci, soprattutto in coppia con Nestorovski