FOCUS – NAPOLI

Continua il nostro viaggio squadra per squadra. A 10 giorni dall’inizio del torneo, ecco segreti, obbiettivi, punti di forza, scommesse o trappole da evitare di tutte le Big del nostro campionato. Adesso tocca al Napoli.

Tornare a Ringhiare – Gli azzurri ripartono da certezze ritrovate, e da un grande condottiero al comando. La stagione scorsa stava naufragando pericolosamente, Ringhio ha risollevato l’ambiente e riportato motivazioni, gioco risultati e una Coppa Italia. Ora però il Napoli deve tornare protagonista assoluto anche in Serie A, c’è una champions da riconquistare.

Obbiettivi di mercato – Porte girevoli in casa azzurri. Allan e Callejon ormai hanno salutato dopo tanti anni ad altissimi livelli. Il colpo da 90, anzi da 80 è il gioiellino Osimhen che già in amichevole ha stregato tutti. Strappi da giocatore vero, e fantaprezzo che schizza subito alle stelle. Avanti si balla ancora, c’è un Milik con le valige e il telefono in mano, direzione Roma molto più di Torino ormai. Con la banda Gattuso che potrebbe accogliere Under, sostituto naturale non nell’interpretazione ma geograficamente si, di Callejon. Dalla Capitale, anche Veretout è nome graditissimo per colmare il vuoto di Allan in mediana. Per la difesa c’è Socratis come prima scelta sul taccuino di Giuntoli. Esperienza e leadersheep che dopo l’addio di Albiol manca nella retroguardia campana.

Formazione – tipo: Ospina; Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, Mario Rui; Fabian Ruiz, Demme; Politano, Mertens, Insigne; Osimhen. (4-2-3-1)

Cambio di abito per la banda Ringhio, che nella stagione 20-21 dovrebbe partire con un 4-2-3-1 tutto qualità e fantasia. Prima novità già tra i pali, Ospina è avanti ormai nelle gerarchie della porta azzurra, Gattuso lo preferisce anche per le doti in fase di uscita palla. Difesa confermatissima in toto, dalla mediana ci si può divertire. Demme è titolarissimo, mentre Politano in questo momento è l’unico proprietario dell’out di destra orfano di Josè Maria. Ciro Mertens è sempre il faro invece. Il più forte della squadra, l’uomo più importante. E’ ancora un top di categoria, fresco di record di miglior marcatore della storia del Napoli. Per il nuovo acquisto che avrà le chiavi dell’attacco occhio a non fare follie.

Roberto Terranova

Il calcio si sa, è il gioco più bello del mondo, il Fantacalcio il secondo. Scrivere è l'altra mia grande passione, mi rende libero in qualche modo e farlo raccontando di una sfera che rotola su un prato verde è adrenalina pura.
Da tre anni direttore di Tuttofanta, con la speranza e la voglia di crescere ancora, INSIEME.
Ricordando però che chi sa solo di calcio, poi alla fine di calcio non ne sa nulla.
Uscite,Vivete, Amate ma soprattutto GUFATE E PIANGETE, al fanta è sacro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *